Rinfor Grout Col zoom
Rinfor Grout Col image 1
Rinfor Grout Col image 2
Rinfor Grout Col image 3

Rinfor Grout Col

Microcalcestruzzo fibrorinforzato ad elevatissime prestazioni

Rinfor Grout Col è uno speciale formulato cementizio bicomponente, fibrorinforzato con tecnologia READYMESH, arricchito con microsilici reattive ad elevatissima attività pozzolanica e speciali additivazioni cristallizzanti che incrementano le sue prestazioni finali e la sua durabilità. Miscelato con acqua consente di ottenere microcalcestruzzi con reologia colabile. Ad indurimento avvenuto il prodotto possiede eccezionali valori fisico-meccanici e di duttilità. Ideale per il rinforzo e l’adeguamento sismico di solai in c.a., latero-cemento, lamiere grecate e in legno, mediante costruzione di cappa collaborante estradossale a basso spessore, e di travi, pilastri, nodi strutturali, pareti, tramite opportuna incamiciatura.
Componenti
Bicomponente
Aspetto
Fibre + Polvere
Codice doganale
3824 5090

Richiedi info sul prodotto

    Con l’invio accetto l'informativa sulla privacy

    Certificazioni ottenute e Normative
    EN 1504-6EN 1504-3
    Linee di appartenenza
    Linea prodotto Building
    Linea prodotto Floor
    Linea prodotto Infratech
    Sito tematico
    Grout Power
    Caratteristiche e vantaggi
    Dove si utilizza
    Come si utilizza
    Dati tecnici
    Avvertenze e precauzioni
    Voce di capitolato
    Media
    Cicli applicativi

    Rinfor Grout Col

    Le caratteristiche reologiche e fisico-meccaniche del prodotto Rinfor Grout Col lo rendono straordinariamente efficace nel rinforzo di elementi strutturali in calcestruzzo armato e in muratura. Colato all'interno di casseri, confinato in cavità o steso all'estradosso di solette e solai, Rinfor Grout Col consente rinforzi strutturali a basso spessore e sostanzialmente privi di armature metalliche aggiuntive. Rinfor Grout Col appartiene alla famiglia degli HPFRC (High Performance Fiber Reinforced Concrete), consentendo al progettista strutturista di avvalersi delle seguenti caratteristiche: - eccezionali resistenze a trazione ed eccezionali valori di adesione al taglio su svariati supporti opportunamente irruviditi; - vantaggi nei calcoli strutturali dettati dall’energia di frattura, della resistenza a trazione e delle deformazioni ultime del materiale; - minimi spessori applicati con domini di rinforzo nettamente migliorativi rispetto ad interventi con tradizionale calcestruzzo armato; - notevolissima riduzione delle masse e minimizzazione dei carichi aggiuntivi applicati per il rinforzo strutturale rispetto ad interventi con tradizionale calcestruzzo armato (carichi aggiuntivi praticamente nulli nel caso lo spessore dell’incamiciatura corrisponda alla profondità della scarifica); - barriera anticarbonatazione e barriera antiossidante; - autocicatrizzazione di eventuali microfessure esposte al contatto di fluidi grazie alla particolare additivazione cristallizzante; - incremento di durabilità delle strutture riparate con Rinfor Grout Col, grazie all’effetto di migrazione delle additivazioni cristallizzanti; - elevatissima resistenza al fuoco; Dal punto vista ambientale ed ecologico il prodotto Rinfor Grout Col si caratterizza per i seguenti vantaggi - prodotto a base di leganti idraulici, aggregati selezionati e additivi minerali con contenuto di materie prime organiche < 1% - emissioni VOC durante la messa in opera praticamente nulle; a materiale indurito emissioni VOC nulle. - contenente una frazione > 5% di sottoprodottI dell'industria di produzione - 100% riciclabile a fine vita


    Campi d'impiego

    Principali impieghi di Rinfor Grout Col: - per l’adeguamento sismico con assorbimento e trasferimento di tensioni a taglio o trazione a fronte di eventi ad elevata sollecitazione dinamica (sisma, urti, deflagrazioni). - per rinforzi strutturali ed adeguamento sismico tramite incamiciatura di travi, pilastri, nodi strutturali, pareti; - per il rinforzo ed adeguamento sismico con cappa collaborante estradossale a basso spessore su solai in c.a., latero-cemento, lamiere grecate, legno; - per la fabbricazione di elementi strutturali leggeri a sezione sottile; - per la riparazione di pavimenti con necessità di resistenza ad elevate sollecitazioni statiche e dinamiche unitamente a valori eccezionali di resilienza e resistenza agli urti; - per rinforzi ed ancoraggi di precisione di macchine pesanti e fortemente sollecitate: es. pale eoliche, turbine, macchinari di precisione, etc.


    Supporti consentiti
    Calcestruzzo
    Murature in laterizio forato
    Murature in pietra
    Acciaio
    Preparazione dei supporti

    Il supporto deve essere sano, pulito, sufficientemente scabro, senza parti friabili ne polvere, lavato con acqua in pressione e saturato con acqua prima dell’applicazione. Nei calcestruzzi la ruvidità del supporto deve essere > 3 mm; per ottenere questo livello di asperità possono essere prese in considerazione le tecniche di idroscarifica, bocciardatura, scalpellatura meccanica, sabbiatura a grana grossa. Nel caso di superfici in laterizio fortemente assorbenti (solai in latero cemento con affioramento di parti in laterizio) oppure nel caso in cui sia impossibile saturare il supporto con acqua, contattare il nostro servizio tecnico per valutare opportuni primer di adesione come Syntech Pavisheer oppure Syntech RGS. Soprattutto quando utilizzato come cappa estradossale nei solai in calcestruzzo o come riparazione di pavimentazioni industriali, risulta particolarmente utile incrementare la resistenza al taglio e l’adesione al supporto eseguendo delle radici di ancoraggio eseguendo fori sul supporto (diametro 18-20 mm, profondità 20 mm) e pulendo accuratamente le superfici del foro prima della stesura del Rinfor Grout Col.


    Modalità d'impiego

    NOTA BENE: OGNI SACCO DA 25 KG (componente A) NECESSITA DI 1,25 KG DI FIBRE (componente B). Per quanto concerne i getti in clima estivo (caldo, arido, ventoso) o in clima invernale (freddo, ventoso, possibilità di temperature rigide prossime allo 0) valgono tutte le prescrizioni e le raccomandazioni segnalate sulle LINEE GUIDA DEL CALCESTRUZZO STRUTTURALE (Ministero dei Lavori Pubblici). Nelle incamiciature per rinforzi strutturali su travi, pilastri, nodi ecc. utilizzare casseri rinforzati data la forte spinta esercitata dal prodotto. Utilizzare efficiente miscelatore ad asse verticale (od efficiente trapano con frusta per miscelazione di una sola confezione in secchia). I componenti vanno dosati in cantiere per ogni singola unità di miscelazione. Miscelare con efficaci miscelatori ad asse verticale per non meno di 8-9 minuti. Impastare prima i sacchi con l’acqua per almeno 3-4 minuti: la dose d’acqua può variare da un minimo del 10% fino ad un massimo del 12% (riferito al peso del componente A sacco da 25 kg) a seconda delle condizioni di utilizzo e della fluidità utile dell’impasto. Fatta questa prima miscelazione, procedere con l’introduzione graduale delle fibre metalliche READYMESH, evitando assolutamente lo sversamento immediato di tutto il quantitativo di fibre previste. Introdotte tutte le fibre READYMESH proseguire la miscelazione per almeno altri 3 minuti. Per getti casserati aiutare il riempimento dei volumi di getto con leggere battiture con martello di gomma sui casseri. Per getti su solaio aiutare la stesura ed il livellamento con stagge e coprire i getti prima possibile con teli impermeabili o con stesure antievaporanti e resilienti tipo Curing Aid..


    Metodi di applicazione
    Colatura
    Pulizia strumenti
    Acqua
    Caratteristiche fondamentali
    Conservabilità
    Conservabilità: 12 mesi
    Diametro massimo aggregato
    Diametro massimo aggregato: 6 mm
    Miscelare con acqua
    Miscelare con acqua: 10 - 12 %
    Peso specifico
    Peso specifico: 2420 kg/m³
    Pot life
    Pot life: 50 - 75 min
    Temperatura di applicazione
    Temperatura di applicazione: + 5 / + 35 °C
    Usare indossando guanti protettivi
    Usare indossando guanti protettivi
    Specifiche tecniche

    Resistenza a compressione a 2 gg
    UNI EN 1015-11

    > 65 N/mm²

    Resistenza a compressione dopo 28 giorni
    UNI EN 1015-11

    130 N/mm²

    Resistenza a flessione
    UNI EN 1015-11

    > 27 N/mm²

    Resistenza a trazione
    UNI 6135

    > 7 N/mm²

    Resistenza a trazione per flessione (resistenza residua fr 1 apertura fessura 0,5 mm)
    UNI EN 14651

    14.0 N/mm²

    Resistenza a trazione per flessione (resistenza residua fr 2 apertura fessura 1,5 mm)
    UNI EN 14651

    12.0 N/mm²

    Resistenza a trazione per flessione (resistenza residua fr 3 apertura fessura 2,5 mm)
    UNI EN 14651

    10.0 N/mm²

    Resistenza a trazione per flessione (resistenza residua fr 4 apertura fessura 3,5 mm)
    UNI EN 14651

    8.0 N/mm²

    Resistenza al taglio
    metodo del cuneo a 45°

    > 16 MPa

    Ritiro/espansione in fase libera
    T 20 °C e U.R. 50%

    ±10 μ/m

    Modulo elastico
    EN 13412

    38 GPa

    Agibilità con massime sollecitazioni

    3 gg
    Resistente ai solfati

    Pedonabilità
    a 20 °C

    8-12 h

    Energia di frattura

    30000 N/m

    Profondità media di carbonatazione

    < 0.5 mm
    Resistente agli agenti chimici

    Agibilità al traffico leggero
    a 20 °C

    24 h

    Ritiro endogeno

    < 0.05 %

    Profondità di penetrazione all'acqua
    UNI EN 12390-8

    < 2 mm
    Resistente ai cicli di gelo/disgelo in presenza di sali/cloruri

    Rimozione dei casseri

    24-48 h

    Adesione al supporto
    UNI EN 1542

    > 3 N/mm²
    Consumi

    Circa 22 kg/m² di Rinfor Grout Col per ogni centimetro di spessore da realizzare (circa 2200 kg per ogni metro cubo).

    Colori disponibili
    Grigio
    Imballaggi e dimensioni
    Sacco da 25 kg [A]
    Sacco da 20 kg [B]
    Kit: 16 Sacchi da 25 kg [A] + 1 Sacco da 20 kg [B]
    Secchio da 5 kg [B]
    Kit: 4 Sacchi da 25 kg [A] + 1 Secchio da 5 kg [B]
    Secchio da 1.25 kg [B]
    Kit: 1 Sacco da 25 kg [A] + 1 Secchio da 1.25 kg [B]
    Stoccaggio e conservazione
    Un’inadeguata conservazione del prodotto può causare una perdita delle prestazioni reologiche.
    Avvertenze

    Movimentare le speciali fibre metalliche READYMESH con idonei guanti protettivi. Durante la miscelazione del prodotto indossare mascherine antipolvere. Stoccare il prodotto nel suo imballaggio originale in ambiente fresco, asciutto e al riparo dal gelo e dalla luce diretta del sole. Un’inadeguata conservazione del prodotto può causare una perdita delle prestazioni reologiche. Teme l'umidità.

    Le informazioni generali, così come le indicazioni ed i suggerimenti di impiego di questo prodotto, riportati nella presente scheda tecnica ed eventualmente forniti anche verbalmente o per iscritto, corrispondono allo stato attuale delle nostre conoscenze scientifiche e pratiche.
    I dati tecnici e prestazionali eventualmente riportati sono il risultato di prove di laboratorio condotte in ambiente controllato e come tali possono subire modifiche in relazione alle effettive condizioni di messa in opera.

    Prodotto per uso professionale, Azichem Srl non si assume alcuna responsabilità derivante da prestazioni inadeguate correlate ad un uso improprio del prodotto, o legata a difetti derivanti da fattori o elementi estranei alla qualità dello stesso, inclusa l’errata conservazione.
    Chi intenda fare uso del prodotto è tenuto a stabilire, prima dell’utilizzo, se lo stesso sia o meno adatto all’impiego previsto, assumendosi ogni responsabilità conseguente.

    Le caratteristiche tecniche e prestazionali contenute in questa scheda tecnica sono aggiornate periodicamente. Per una consultazione in tempo reale collegarsi al sito: www.azichem.com. La data di revisione è indicata nello spazio al piede. La presente edizione annulla e sostituisce ogni altra precedente.

    Si ricorda che l’utilizzatore è tenuto a prendere visione della più recente Scheda di Sicurezza di questo prodotto, contenente i dati chimico-fisici e tossicologici, le frasi di rischio ed altre informazioni per poter trasportare, utilizzare e smaltire il prodotto e i suoi imballaggi in sicurezza. Per la consultazione collegarsi al sito: www.azichem.com.

    È vietato disperdere il prodotto e/o l’imballaggio nell'ambiente.
    Voce di capitolato
    Stampa

    CAPPE DI RINFORZO ESTRADOSSALI: Preparazione del supporto atta a garantire una corretta adesione della cappa collaborante al supporto, eventualmente coadiuvata da connettori metallici e/o fori radice opportunamente dimensionati e distribuiti. Nelle murature perimetrali realizzazione di fori, leggermente inclinati verso il basso, con diametro e passo opportunamente dimensionato, per l’alloggiamento di barre metalliche di connessione fra murature portanti e cappa collaborante. Pulizia dei fori, e ancoraggio delle barre con resina per ancoraggi. Il tutto secondo elaborati strutturali. Saturazione del supporto con acqua e rimozione dell’acqua in eccesso in superficie. Miscelazione secondo idonea tempistica eseguita con mescolatore ad asse verticale ad alto numero di giri, munito di pale a movimento planetario e raschiatore. Getto mediante semplice colata di microcalcestruzzo Rinfor Grout Col di AZICHEM SRL, certificato CE secondo normatine EN 1504/3 (CLASSE R4) ed EN 1504/6, che unisce la reologia colabile-fluida ad eccezionali valori fisico-meccanici che consentono rinforzo strutturale, irrigidimento ed incremento di duttilità della struttura. Il microcalcestruzzo dovrà contenere elevatissimo contenuto di microfibre metalliche (> 130.000 fibre READYMESH per ogni sacco da 25 kg di premiscelato), fibre sintetiche Readymesh PM  060 e speciali additivazioni cristallizzanti capaci di ridurre il ritiro libero ed incrementare, con processo di autocicatrizzazione, la durabilità della cappa collaborante. Spessore della cappa da 20 a 30 mm secondo elaborati strutturali. Il consumo di prodotto è di ca. 22,5 kg/m2 per cm di spessore applicato. Sul microcalcestruzzo fresco, immediatamente dopo il getto, applicazione a spruzzo o rullo di antievaporante a base di speciali polimeri in dispersione acquosa, tipo Curing Aid di Azichem srl. L’antievaporante forma uno strato protettivo che riduce drasticamente l’evaporazione dell’acqua d’impasto nelle prime fasi di indurimento del prodotto ed incrementa la resilienza superficiale. In alternativa utilizzo di teli impermeabili in PE stesi sulla superficie della cappa non appena questa diventa calpestabile.

    PILASTRI, TRAVI E MURATURE IN CEMENTO ARMATO: Scarifica meccanica, sabbiatura, idroscarifica o altro trattamento del supporto in calcestruzzo, idoneo a rimuovere tutte le parti degradate del calcestruzzo esistente ed ottenere un buon grado di rugosità superficiale necessario a garantire una corretta adesione della cappa collaborante al supporto. Dopo saturazione del supporto con acqua predisposizione di casseri a perfetta tenuta. Si consiglia il rinforzo dei casseri mediante staffature in acciaio. Adottare delle tappe di getto non superiori ai 3 metri di quota. Miscelare secondo idonea tempistica eseguita con mescolatore ad asse verticale, ad alto numero di giri, munito di pale a movimento planetario e raschiatore. Getto mediante semplice colata dall’alto di microcalcestruzzo Rinfor Grout Col, che unisce la reologia colabile-fluida ad eccezionali valori fisico-meccanici, che consentono rinforzo strutturale ed incremento di duttilità della struttura. Il microcalcestruzzo dovrà contenere elevatissimo contenuto di microfibre metalliche (> 130.000 fibre READYMESH per ogni sacco da 25 kg di premiscelato), fibre sintetiche Readymesh PM-060 e speciali additivazioni cristallizzanti capaci di ridurre il ritiro libero ed incrementare, con processo di autocicatrizzazione, la durabilità dell’incamiciatura di rinforzo. Spessore dell’incamiciatura da 30 mm a 60 mm secondo elaborati strutturali. Il consumo di prodotto è di ca. 22,5 kg/m2 per cm di spessore applicato. Caratteristiche tecniche del microcalcestruzzo HPFRC Rinfor Grout Col :

    • Resistenza a compressione a 28 gg (EN 12190): > 110 MPa
    • Resistenza a flessotrazione a 28 gg (EN 196/1): > 30 MPa
    • Resistenza a trazione (NTC 2018) > 5,1 MPa
    • Modulo elastico a 28 gg (EN 13412) = 38.000 MPa (± 1.500)
    • Aderenza al supporto (EN 1542): > 3 MPa
    • Self Healing (autocicatrizzazione) su fessure:  0,4 mm
    • Ritiro Libero:  < 0,3 mm/mt
    • Classe di tenacità (EN 146519): 7c
    • Resistenza al limite di proporzionalità (valore medio) (EN 14651) 12,27 N/mm2
    • Resistenza al limite di proporzionalità (valore caratteristico) (EN 14651) 8,55 N/mm2
    • fR1 medio resistenza residua media post fessurazione (0,5 mm) (EN 14651) 11,74 N/mm2
    • fR3 medio resistenza residua media post fessurazione (2,5 mm) (EN 14651) 9,09 N/mm2
    Galleria fotografica
    Video

    Richiedi info sul prodotto

      Con l’invio accetto l'informativa sulla privacy

      Copyright © 2024 All Rights Reserved
      Powered by Webplease
      printermagnifiercrosschevron-down